30 dicembre 2011

Ungheria: siamo tornati al Medioevo

Gli Stati dovrebbero esistere per garantire la pace entro certi territori, eppure abbiamo costantemente esempi di come questi enti, che storicamente si autoimpongano con la forza, siano considerati proprietà privata da parte di qualche laureato in "satrapia" e dei suoi amici arrivisti, per estendere il loro dominio grazie appunto all'estensione del dominio dello Stato e alla sua invasività nella vita della gente comune.

In Ungheria, ad esempio, come ci fa sapere il Corriere della Sera, il premier Viktor Orban, da anti-comunista e da ex vice-presidente del Partito Popolare Europeo (gruppo che comprende anche il PDL), è sempre più un leader autoritario, come se i comunisti sovietici fossero tornati a dominare (che caso, mi ricorda la storia degli anti-pedofili che si son poi scoperti essere dei mafiosi, o gli anti-mafiosi arrestati per concorso esterno in associazione mafiosa..), infatti vuol far tornare a galla pericolosi simboli nazionalisti e mettere il "bavaglio" al mondo del giornalismo punendo sia quotidiani che canali televisivi lontani dalle sue idee e dal suo modo di governare.

Purtroppo il potere dà alla testa, il potere è da eliminare:
abbiamo politici e parlamenti? Bene, che discutano e votino le leggi senza dover assecondare i voleri di un singolo, la cui conseguenza è la diffusione di malessere e malvagità gratuita e inutile per il bene comune, ma ovviamente utile per il bene privato di pochi riccastri malati di mente che hanno la necessità di comandare, perchè da piccoli furono allevati dai loro padri satrapi a loro volta (bella roba l'autoritaria educazione patriarcale che distorce la visione sana e naturale dei rapporti umani fatti di rispetto e collaborazione dove le persone si pongono sullo stesso piano).
Berlusconi si è sempre lamentato del fatto che in Italia il presidente del Consiglio non possa governare, perchè ha pochi poteri a causa dei veti del presidente della Repubblica, della Corte costituzionale e del potere di indagine e condatta della Magistratura.
I cosidetti premier vorrebbero non governare, ma comandare
, perchè si sentono eletti dal popolo (quando questo in realtà vota i partiti), perchè son convinti che il popolo, i popoli, anzichè aver bisogno di vivere uniti almeno moralmente, abbiano bisogno di sentirsi vivi grazie alla forza di un satrapo.
No, come ho scritto prima, si ha bisogno solo di politici che discutano di leggi in modo libero!

Nessun commento: