23 dicembre 2012

La più bella del mondo

Roberto Benigni si dice di sinistra ma non fa altro che esaltare la nazione e chi ne fa parte, sembra che abbia delle fette di prosciutto sugli occhi e chissà cosa nel cervello.


Prima esaltava Dante, definito da Venditti un servo di partito (d'altronde solo un cattolicone poteva fare un'opera su quelle invenzioni patriarcali che prendono il nome di paradiso, purgatorio, che nome, e inferno!), ora fa l'esaltatore della Costituzione e in ambo i casi proprio come professione.

Non vi sembra strano che lui, italiano, parli bene dell'Italia? A me sembra una cosa alquanto faziosa e mi sembra al soldo dei governi che vogliono farci sentire orgogliosi di essere italiani.
Io non lo sono perché, primo, sono contro gli Stati che dividono l'umanità e che si fondano sul terrore, secondo, perché se l'umanità è una, non penso proprio che il tipo che vive appena al di là della frontiera sia peggio di me!

E su consiglio di Inneres Auges condivido questo post che condivido contro Benigni ma soprattutto contro la Costituzione.

3 commenti:

Inneres Auge ha detto...

Io sono orgoglioso di essere un animale. L'umanità molto spesso mi fa schifo.

Nelle parole di Benigni ci sono fiumi di retorica che non finiscono mai

Inneres Auge ha detto...

PS
a proposito dello show di Benigni

http://ekbloggethi.blogspot.it/2012/12/come-dicono-oxford-io-mi-ci-pulirei-il.html

Danx ha detto...

Ottimo post, l'ho linkato qui sopra!!