26 dicembre 2012

Il parrocco del femminicidio

Qualche giorno fa un parroco italiota lasciò un foglio sulla bacheca della sua chiesa, col quale espresse il suo parere sul cosidetto femminicidio.


Cosa scrisse? 

Che le donne di oggi, vestendosi con abiti succinti, provocano.

No no scusate cari cattofessi, ma non regge in piedi quest'accusa, infatti i giornali parlano di donne ammazzate in quanto fidanzate, mogli o ex, non di donne stuprate perché girano anche il 25 dicembre con -10 gradi in minigonna e tacchi a spillo col push-up mentre sono chine intente a spingere l'auto in mezzo alla neve con le poppe sballonzolanti!

Il malefico e ciucciasoldi statal-vaticanensi Don Corsi, ha continuato imperterrito a dire stronzate, ha dato del "frocio" ad un giornalista Rai perché é impossibile non avere istinti quando si vedono donne nude o mezze nude, e poi ha augurato ad un altro giornalista di avere un brutto incidente! E questo tutto nel giro di pochi giorni, chissà quante stronzate e insulti ha detto in tutta la sua oscura carriera da stronzone d.o.c.

Ma quindi anche i preti si eccitano? Allora vedete che siamo tutti dei porci, beh niente di male, se non fossimo porci non ci riprodurremmo come natura purtroppo vuole, perciò quel dio non si può non dire che non sia anche lui un porco o con tendenze alle porcherie, dato che se vedo tutto di tutti, vede anche i rapporti sessuali di ogni tipo :)
Ma non dovevano.. cioè.. mah.. allora ecco che saltano fuori gli altarini e finalmente tutta la gente capirà che sono uomini normali come tutti che però non potendo rapportarsi serenamente con l'altro sesso, avendo una sessualità ferma agli 11-12 anni, non possono che divenire pedofili (o andare a puttane di nascosto).

Nessun commento: