6 giugno 2010

Aridaje con Prodi

Vota questo articolo su OKNotizie

Ho capito!

Prima
incrementa il debito pubblico, rischia di farci entrare nei Pigs (con noi Piigs) e dopo fa realizzare dall'esperto Tremonti una manovra scaccia crisi per bullarsi coi suoi veneratori/fans che lo ascoltano dalla tivvù con una cieca fede (no
n so perchè, ma ho l'idea che a contestare le sue scelte siano sempre i soliti, gli altri vedono in lui un dio impensabile da rinnegare. C'è il difetto di sentirsi sempre inferiori, inadatti e bisognosi di una figura forte. Ma un pò di dignità ogni tanto?)
E' un impresa eccezionale: una propaganda così non s'era mai vista!

Il presidente che in Europa è il più acclamato dalle folle, ovvero Berlusconi, ha asserito che se la Sinistra fosse al governo in questo momento irto di difficoltà, avrebbe incrementato, come già fatto impunemente in passato, il debito pubblico.

Ma come? Si fà la manovra taglia-statali e vai-di-condono causa bilanci statali disastrati che solo la Sinistra riuscì a sistemare un poco, e si accusa chi al governo non c'è da due anni, anzichè chi vi siede dal 2001 ad oggi con una breve interruzione di 2 anni? Ogni volta è la solita cosa: Berlusconi accusa la sinistra di insulare e basta, ma è il primo che la accusa senza alcun dato.
Il debito pubblico è cresciuto nel
2009 e c'era Berlusconi, nel 2010 continua a crescere e c'è sempre Berlusconi e, anzichè giustificarsi con l'ennesimo momento di crisi (che non arriva più dagli USA, ma appunto dai nostri bilanci da 30 anni un pò estrosi), mette in mezzo chi lo ha sempre abbassato, cioè Prodi, anzichè Craxi che l'ha mandato alle stelle negli anni '80 o sè stesso che ha fatto l'inverso del professore bolognese?

"La manovra è necessaria per mettere i conti italiani in sicurezza. E mentre il governo affronta il problema, altri, e sappiamo fin troppo bene chi siano questi altri, di fronte a questa non certo facile situazione, avrebbero traccheggiato gettandosi questi problemi alle spalle come, del resto, hanno sempre fatto in passato contribuendo così, in misura abnorme, alla crescita del nostro debito pubblico, quello che oggi, tra mille difficoltà, noi ci troviamo a dover gestire". Fonte: Corriere.it

Intanto dal PD, tramite D'Alema, giungono accuse a Berlusconi perchè lui da questa manovra taglia-tutto non ci rimetterebbe un Euro. Infatti lui è ottimista, anche perchè le aziende italiane tornano ad investire nella pubblicità (toh!).

Ho capito anche perchè accusa sempre la Sinistra: Berlusconi sente il peso delle due crisi che ha dovuto subire/affrontare (autunno 2008 e primavera 2010) e, presagendo le risposte del popolo che dovrà fare a meno del suo già magro bottino e che quindi potrebbe negargli prossimamente il voto, vuol farci capire, oltre a giustificare le proprie scelte "aggraziate" da un'equità apprezzata in tutto il mondo (mah, semplicemente si taglia come vuole l'UE e i poteri forti mondiali), che la Sinistra avrebbe fatto ben di peggio, li avrebbe mandati tutti a casa gli statali e non ci sarebbe stato futuro, oppure avrebbe continuato a garantire certi stipendi e diritti con un peso assurdo per le future generazioni..che invece ce l'hanno assicurato (il peso) grazie a lui.
A proposito di futuro, è significativo questo dato dell'ANM:
"La manovra colpisce in maniera iniqua, indiscriminata e casuale. Ad esempio, un pubblico dipendente magistrato o altro funzionario, con uno stipendio lordo di 150.000 euro subirà un taglio di stipendio di 3.000 euro lordi l'anno, cioe' il 2% dello stipendio, mentre un magistrato di prima nomina con uno stipendio lordo di circa 40.000 euro subira' tagli complessivi per circa 10.000 euro lordi l'anno, circa il 25% dello stipendio".

Insomma, Berlusconi riuscirà a cavarsela anche questa volta, lo spauracchio della Sinistra è ancora forte!

Vota questo articolo su OKNotizie

1 commento:

Inneres Auge ha detto...

Dobbiamo riconoscerlo: Berlusconi è uno stratega, sa sempre come metterlo nel culo.