27 febbraio 2011

Stupri e l'indulto dimenticato

Vi ricordate nel 2006 che quei legalitari di destra, con l'appoggio di una certa sinistra (no IDV), approvò l'indulto scarcerando migliaia di delinquenti per far piacere al Vaticano (ma che gliene frega a loro?).
E qualche giorno fa si parlava di un dimezzamento dei tempi di prescrizione anche per reati punibili fino a 10 anni come appunto lo stupro. En plein per il PDL!
Non so questaproposta che fine abbia fatto, ma sono tutte trovate per salvare, che però hanno nefaste conseguenze sulla sicurezza di tutti i cittadini nella vita quotidiana.

E complimenti a chi governa Roma: sanno che ci sono 70 somali nullafacenti, bivaccatori abusivi e da quel che ho capito spacciatori, ma la polizia non li controlla. E c'è gente che accusa la sinistra (ma che centra?) per il buonismo, lassismo, terzomondismo e una marea di risme di ismi.
Ah, ovviamente a Roma non ci sono solo i somali extracomunitari a stuprare, ma anche rumeni comunitari e italiani italianisssimi, però ci voleva il caso degli africani per esacerbare gli animi dei destri che anche stavolta, leggendo commenti in giro, sanno sempre con chi prendersela: la Sinistra, ma anche i preti e l'UE.

2 commenti:

Inneres Auge ha detto...

E Alemanno vuole espellere tutti i somali. Aveva vinto la campagna elettorale sulla sicurezza

Danx ha detto...

Poteva pensarci prima.
Voglio dire, va bene accogliere i profughi, ma se non crei opportunità per integrarli è ovvio che per mangiare spacceranno e che per fare l'amore stupreranno.