5 maggio 2015

Renzi cambia per non cambiare?

Ormai è chiaro che Renzi cambia per non cambiare, faccio due piccoli esempi:

ecco l'ingresso dei black block da mezza Europa senza alcun intervento della Polizia (che invece a Bologna ha menato gli sfigati italianucci di sinistra dotati di temibili fionde..), lasciando campo libero a questi loschi figuri pagati da non si sa chi e che riescono sempre a svignarsela (avete mai sentito di qualche black block straniero arrestato? Se sì lasciate un commento con tanto di link, grazie!), in modo tale da poter deligittimare come al solito le manifestazioni di protesta che altrimenti si svolgerebbero in un cilma in parte teso ma sicuramente meno problematico.

Ecco anche l'effetto della riforma del lavoro che prende un nome anglosassone forse per farci capire che serve più ai capitalisti che ai lavoratori, infatti sono molte le aziende anche importanti e grandissime che licenziano anche dipendenti di lunga data, per poi assumere subito dopo altre persone sfruttando gli sgravi.
A riguardo di questo argomento, ho letto un commento che parlava di MediaWorld e Carrefour, io in realtà facendo or-ora una breve ricerca ho trovato news su dei prossimi licenziamenti causa chiusura di alcuni centri-commerciali. Ho però anche trovato, come ultimo risultato di questa mia breve ricerca odierna, questo articolo che menziona le nuove assunzioni del colosso francese. Vuoi vedere allora che è tutto vero, cioè che licenziano per riassumere? Anche dalle mie parti ho notato che un supermercato sta per chiudere per poi riaprire da un'altra parte.. non so se i dipendenti verrà licenziati ma c'è da tenere gli occhi aperti!

Poi si potrebbero sicuramente fare tanti altri esempi riguardanti la legge elettorale criticatissima da moltissimi.

Se si cambia per peggiorare si può ben dire che si cambia per non cambiare.

Nessun commento: