25 novembre 2011

Ma che fine ha fatto Sandro Bondi?

Ma che fine ha fatto l'acido Sandro Bondi?


Dopo essersi dimesso da coordinatore del PDL in maggio, non l'ho più sentito, eppure una figura così caratteristica (e che ha dato tanto al mio blog in fatto di visite!) non può mancare sui giornali o in Tv, perchè catalizza l'attenzione delle masse, intendo l'attenzione di ogni tipo di persona: dal fine grecista con annessi bambini con sui sollazzarsi (ehhh, gli antichi greci facevano così, non prendetevela con me) e costituzionalista bolscevico, alla casalinga smutandata con annesso idraulico intento a trombare e sbavare - anche per le sagge e misurate parole del sommo Bondi -.

Or-ora ho compiuto una breve ricerca su questo nuovo Buddha e sembra che dopo maggio, si sia ripreso mostrando nuovamente la sua acidità, giusto per non cadere in depressione:



§ Ha accusato De Benedetti di aver perso l'occasione di mostrarsi persona equilibrata, data la sua dimostrazione di voler condizionare l'operato del governo tecnico di mario Monti (fonte: lapoliticaitaliana.it);

§ Garantismoa assoluto verso gli inquisiti delle tangenti Enav, perchè questo concetto è da sempre la stella polare del centro-destra, a differenza della sinistra che ne ha sempre approfittato per dare contro a lui e, soprattutto, a Berlusconi (fonte:
Diritto Oggi)


§ E' stato sentito dai pm Woodcock, Piscitelli e Curcio per un presunto giro di tangenti mascherate come finanziamento al quotidiano l'Avanti di Lavitola (fonte: Unione Sarda);

§ Da esperto economista ha zittito tutti chiedendo serietà, onestà e rigore (il trittico si ripeterà a breve, continuate a leggere). In più ha anche chiesto delle scuse da parte di chi, gente che dovrebbe provare forte vergogna, supponeva che l'aumento dello spread fosse legato al precedente governo (fonte:
ASCA);

§ Il giorno dopo (oggi, 25/11/11), ha accusato Rehn - vice presidente della commissione europea agli affari economici - di non rispettare l'Italia (intendendo per Italia Berlusconi e il PDL, suppongo), la sua realtà, la sua storia, la sua sovranità (Fonte: AGI);


Secondo me poteva fare di più, anche se forse ciò è dovuto all'effetto della carta stampata che non fa risaltare appieno le sue qualità..di catalizzatore appunto.

Nessun commento: