20 dicembre 2011

Caso Egitto. Il potere è per i criminali.

Caso Egitto. Caos in Egitto.


Se il potere è una questione di forza, è ovvio che al potere ci son sempre saliti dei criminali, che ci salgano dei criminali ed è ovvio che ci saliranno altrettanti criminali.


"Un ufficiale dell'esercito egiziano ha dichiarato che coloro che manifestano davanti al Consiglio dei ministri dovrebbero essere bruciati nei forni di Hitler. Secondo Amnesty International queste dichiarazioni possono essere considerate alla stregua di un'autorizzazione a commettere violazioni dei diritti umani.

Con gli eventi dello scorso fine settimana è la terza volta, da ottobre, che manifestazioni pacifiche vengono represse con la forza letale. Il numero delle persone morte durante le proteste è salito ad almeno 84.

All'inizio di ottobre, almeno 28 persone, compreso un soldato, sono morte dopo che una manifestazione contro la discriminazione religiosa al Cairo era stata trasformata in un bagno di sangue. Le vittime presentavano ferite di arma da fuoco e parti dei loro corpi erano spappolate in conseguenza del fatto che veicoli blindati li avevano deliberatamente schiacciati.

Almeno 45 persone sono state uccise dopo a novembre al Cairo e ad Alessandria. Secondo quando riportato, i corpi esaminati all'obitorio del Cairo mostravano segni di colpi d'arma da fuoco alla testa e al petto."


Fonte: Amnesty International

Nessun commento: