3 dicembre 2011

W gli anni 70, abbasso Bonanni



Elsa Fornero, ministro del Welfare, pensa di introdurre, finalmente, il Reddito Minimo Garantito per i disoccupati in attesa di prima occupazione o i licenziati.


Purtroppo, non si tratta del RMG che io apprezzerei maggiormente, ovvero quello che consente ad ogni cittadino di sopravvivere fin dalla maggiore età alla morte senza la necessità di lavorare.
Chi volesse guadagnare di più, sarebbe libero di cercarsi un lavoro, chi invece è contrario a tutte le ore necessarie, e agli ordini subiti, per ottenere un misero salario da fame, si accontenterebbe di questo assegno di cittadinanza che garantisce un tetto popolare e una minestra al giorno, dato che nessuno ha chiesto di nascere qui e che non tutti possono e hanno la voglia di abituarcisi.

Tralasciando questa utopia, pensiamo a questa proposta: i disoccupati e i licenziati sono tanti, sempre di più, bisogna fare qualcosa per non vedere sempre più suicidi e barboni. Se non gli si danno soldi, faranno queste fine. Molti, compreso Bonanni, non lo capiscono e dicono che invece bisogna pensare alle pensioni.

Bonanni pensa solo ai vecchi, non a tutti gli italiani, per un ovvio tornaconto! Vergogna!

Ah, il RMG, nella versiona della Fornero, è realtà da anni in tutta europa tranne che in Grecia, Bulgaria e..Italia. Complimenti!

Link: Borsa Italiana

Nessun commento: