15 dicembre 2011

Razzisti in galera

Nonostante leggi italiani di 20 e 60 anni fa, è ancora possibile insultare liberamente popoli diversi dal proprio, scatenando ondate di odio e violenza.
La Repubblica Italiana in teoria punisce razzismo e fascismo, in pratica fa niente, visto il "successo" di "partiti" come Lega, Destra, Forza Nuova e altre italiche amenità.
Cliccando qui potrete firmare l'appello della rivista culturale MicroMega, che ha sritto questo testo per il Presidente della Repubblica Napolitano:

"Chiediamo al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano di intervenire con un solenne monito rivolto al governo e alla magistratura perché siano applicate rigorosamente due tra le leggi più sistematicamente disattese nel nostro paese: la legge 545 del 20 giugno 1952 (detta “legge Scelba”), e la legge 205 del 25 maggio 1993 (detta “legge Mancino”).
La seconda punisce “con la reclusione sino a tre anni chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico, ovvero incita a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi” e “con la reclusione da sei mesi a quattro anni” la “mera partecipazione” a qualsivoglia “organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”.
La prima punisce “con la reclusione da cinque a dodici anni” chiunque in “un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza, o svolgendo propaganda razzista, o compie manifestazioni esteriori di carattere fascista”.
Se queste leggi fossero state applicate sempre e rigorosamente non saremmo mai arrivati al dilagare di violenza razzista e fascista che ha toccato nei giorni scorsi a Torino e Firenze vertici di ignominia. Se queste leggi fossero applicate senza se e senza ma l’Italia sarebbe finalmente e immediatamente liberata dalle disonoranti metastasi fasciste e razziste che invece agiscono alla luce del sole, con la tolleranza e connivenza di troppe autorità politiche nazionali e locali".
15 dicembre 2011

Nessun commento: